formaggio Verlata


Premessa d’obbligo per arrivare a parlare di Formaggio Verlata, è senz’altro la roggia Verlata. Il comune di Villaverla è infatti da sempre caratterizzato da una ben radicata tradizione contadina. Come tale quindi si rivelò cruciale per i paesani, saper sfruttare al meglio le risorse idriche che il territorio aveva da offrire. Derivata dall’Astico, nel 1275, venne quindi realizzata la Roggia Verlata. Negli anni a venire, il canale idrico si rivelerà fondamentale per la prosperità del foraggio e del conseguente allevamento bovino, che darà modo ai villaverlesi di dar vita a quello che diventerà il prodotto De.Co. del loro paese: il formaggio Verlata.

CARTA D’IDENTITA’

Zona di produzione:
Villaverla

Tipologia:
formaggio da tavola

lavorazione:
pasta semicotta lavorato da latte intero con aggiunta di panna e caglio di agnello
Le forme vengono salate in salamoia per 2 giorni e la stagionatura si protrae per circa 30 giorni in ambiente naturale

Forma e dimensione
Forma tonda, diametro 25 cm e altezza 9 cm circa

peso
4-5 Kg

Aspetto
colore bianco avorio. La crosta morbida al tatto è rugosa

Caratteristiche gusto olfattive
sapore intenso con chiaro sentore di latte. A seconda della stagionatura varia l’intensità piccante

VARIANTE:
Verlata al Clinto – “formaggio ubriaco” lasciato macerare sotto vinaccia per un paio di mesi, dalla vendemmia alla metà di novembre